Archivi tag: iberia

Madrid e la Spagna si fermano nel ponte dell’Immacolata

Standard

Madrid e la Spagna intera si bloccano durante il ponte dell’Immacolata a causa di uno sciopero globale dei controllori di volo del paese.  La situazione è ritornata normale già da qualche giorno, ma la tensione ha raggiunto senza dubbio livelli molto alti nei giorni cruciali del ponte.

In tutto questo caos pieno di viaggiatori stravolti dall’attesa, e di ritardi selvaggi, però, dobbiamo fare una menzione alla gestione impeccabile che Iberia e Vueling hanno portato avanti su Facebook e Twitter, canali di comunicazione utilizzati, in modo eccellente, per informare e orientare tutti coloro che si trovavano bloccati in qualche aeroporto del paese o del mondo.

Insomma, ancora una volta non possiamo tacere l’enorme vantaggio che si può ottenere da una buena gestione dei mezzi di comunicazione online che grazie alla loro immediatezza e capacità di poter interagire in tempo reale si rendono imprescindibili in momenti di tensione come quelli vissuti in Spagna.

Annunci

Iberia Airline continua con la sua strategia di marketing online

Standard

Iberia MegustavolarLa compagnia aerea spagnola Iberia airlines continua con la sua strategia di marketing online e continua a farlo bene!

L’ultima novitá, un blog personalizzato, lanciato il 24 agosto scorso, con lo scopo di rafforzare la comunitá online di Iberia e di dare un ulteriore riferimento ai viaggiatori e suoi clienti.

Dopo il successo dei vari profili corporativi e di Customer Service online attento, come visibile chiaramente  su Twitter, quella del blog non è altro che la ciliegina sulla torta di una buona strategia di comunicazione del XXI secolo.

Il blog Me gusta volar , mi piace volare in italiano, è uno spazio dedicato un po’ a tutte le sfumature del volare. Accenni alla storia del’aviazione civile,  alla storia della compagnia e ai voli in generale sono alcuni degli argomenti principali dei post pubblicati fino ad ora.

Specialissimo il post dedicato alla paura di volare di molte persone che ancora oggi hanno una vera fobia dell’aereo.

Iberia lancia una nuova modalitá di ricerca voli

Standard

La compagnia aerea spagnola Iberia lancia una nuova modalitá di ricerca voli. Con questa novitá, infatti, i voli aerei non si ricercheranno piú solo per cittá o per data, ma anche, il che risulterá interessante a molti, per prezzo.
La buona nuova è stata comunicata da Iberia airline direttamente dai suoi profili online come quello di youtube in cui si spiega dettagliatamente il nuovo servizio attivo.
Insomma, una bella opzione e, soprattutto, molto utile in questi periodi in cui il prezzo fa la differenza.

Compagnie aeree messe in ginocchio dalla nube islandese

Standard

Secondo l’ultima stimazione della banca svizzera, USB, le aereolinee europee, negli ultimi giorni, hanno perso cifre da far girare la testa. Per essere precisi si trata niente meno che di 600 milioni di euro, denaro che le principali compagnie europee quali  Iberia, British Airways, Air France-KLM, Lufthansa, easyJet e Ryanair hanno visto sfumare a causa degli utlimi sviluppi causati dalla nube islandese.

A tale importo si dovranno sommare, all’incirca, altri 250 milioni, necessari alle compagnie per rimborsare i passeggeri travolti dalla calamitá naturale e per risolverne i disagi cuando necesario.

Un impatto economico, secondo lo studio dell’USB, cambiante in funzione allo spazio aereo e alla densitá dei tragitti maggiormente compromessi dalle cancellazioni e dal quale si conclude che iberia sará, tra tutte le compagnie, la meno penalizzata dall’accaduto, con un 30% e un 40% di voli totali compromessi.

La preocupante situazione ha spinto la compagnia British Airways (BA) a sollecitare aiuti all’Unione Europea e ai governi di ogni paese membro, per poter superare la crisi di un settore giá in passato colpito da eventi di estrema gravitá come quello dell11 settembre 2001, dichiarando che “l’impatto sará chiaramente maggiore rispetto all’11 settembre”.

La Comunitá Europea (CE) sta giá preparando un piano d’azione simile a quello approvato in passato dopo gli attentati terroristici dell’11 settembre 2001 e il commissario Joaquí Almunia dichiara di essere pronto ad accettare un piano simile a quello dell’11-S in modo da poter coprire i costi portati dalle dirette conseguenze della nube e i costi addizionali pagati alle assicurazioni dalle compagnie aeree.